Omaggio a Raffaele Perrotta│Massimo Sannelli

L’estro. Omaggio a Raffaele Perrotta

PERROTTA
 di Massimo Sannelli
Il cavaliere antico amava la sua Musa. Poi nel mio intimo è venuta a visitarmi la Morte. La vita al suo culmine estremo, cioè la morte, come la morte dell'imperatore e del suo cane. Le voci del mondo irrompono nello studiolo e tu non le aspetti (sì: il mio cane, il mio cane). Le faccende di casa e gli istinti emergono. E bisogna creare con Gioia, certo; poi la Morte ci fa tacere, no? Ma quando leggiamo i libri vediamo che i Morti sono vivi.
Chi è illustre, tra voi?
Chi ha visto da vicino un Attore.
Chi ha visto da vicino un Attore?
L'io non è un Attore: è un attore, uno fra mille, come chi è piccolino. L'attore minuscolo non recita la commedia. Il personaggio vivente è tragico e non sa dove vanno le parole della sua memoria, no? Ma il palcoscenico è la storia e continua ad esserci; e io so intenerirmi.
E come si racconta la vita di un Campione autore d'opera?
Con la sua stessa vita di Campione autore d'opera?
Sì. E io?
Chi sono io per scrivere una parola di destino (e poi vantarmene)?
Non sono fatto per esternare, questo lo so: perché penso di avere della dignità.
Ma ora sentite: il mio status, chi me lo riconosce? E alla fine: è proprio necessario che si nomini il mio status? Davvero, attori: è necessario? Coloratelo voi.

da trentinolibero.it 
$ Leggi L’ago di Perrotta on Uh Magazine